TOP

MARIO V. ROSSI
UN CATTOLICO LAICO

13 

significato ed attualità della sua ricerca e del suo impegno nell’Italia del secondo dopoguerra.

a cura di Gianfranco Martini, Stefano Ferro e Mario Cavriani

Collana: Rapporti/Polesine e Cultura padana
Anno: 2000
Pagine: 224, ill.
ISBN:

Descrizione

Saluto introduttivo di Giuseppe Boscolo
Presentazione di Stefano Ferro

Parte prima – La leadership di Mario V. Rossi nel Polesine cattolico del dopoguerra
G. MARTINI, Il perché di un convegno
D. BELLINETTI FERRARESE, Traccia per un profilo biografico di Mario V. Rossi dal 1924 al 1952
A. FERRARI, Mario Rossi, “quel comunista”…!
G. CESARO, Il circolo dei cattolici in un epoca di trapasso
G. GIRO, La nostra formazione culturale e religiosa
N. TEDESCHI, Mario e il Polesine nell’Italia del dopoguerra
L. CREPALDI, Cronaca di un esperienza ecclesiale profetica
P. BOER, Mario Rossi e don Mario Bisaglia
F. FRISON, Il calvario di Mario

Parte seconda – 1952-1954 – La presidenza nazionale di Mario V. Rossi nella Giac. Un biennio esaltante e contrastato per il mondo cattolico italiano
G. ZANINI, Tre piste per conoscere Mario: amicizia, Dio e la presidenza Giac
G. CAMPANINI, Don Primo Mazzolari, Mario Rossi e Adesso
C. GRAZIANI, Mario V. Rossi innovatore della Giac
C. MASSA, “La terra dei vivi”, un testo provocatorio e profetico
M. C. GIUNTELLA, Il “caso Rossi” e le ripercussioni sulla base cattolica
N. MOLÉ, I riflessi della presidenza di Rossi nella periferia italiana
G. ZIZOLA, Le tensioni politiche nella chiesa di Pio XII e la scelta religiosa della Giac
L. TAVAZZA, La diaspora dei collaboratori dell’Ufficio Centrale Giac dopo le dimissioni di Mario. (Cronaca e riflessioni di un ’esperienza irripetibile)
Documentazione storica di Giuseppe Attanasio – Umberto Eco – Antonio Mazzarolli – Flaminio Piccoli – Mario Vittorio Rossi – Luigi Salvatorelli

Documentazione fotografica

Parte terza – L’eredità di Mario
F. PIVA, Carretto e Rossi presidenti della Giac. Spunti da una ricerca di storia orale
A. RIGOBELLO, Mario Rossi e la ricerca di una cultura cattolica italiana
C. E. MERIANO, Mario oggi
F. TANINI, Mario V. Rossi fra cristianesimo e modernizzazione
G. DE RITA, Mario Rossi: coscienza, sviluppo, istituzione
P. SCOPPOLA, Mario V. Rossi e l’inadeguatezza dei cattolici nell’Italia in trasformazione
D. MONGILLO, Il mio rapporto decennale con Mario
D. ROSSI, Mio padre

Parte quarta – Interventi
F. FERRO, L ambiente familiare e sociale di Mario Rossi
R. LUCCHIARI, Gli anni della militanza nella Giac
G. VALLERY, Mario e l’educazione dei figli
G. VAGGI, Mario e Don Primo Mazzolari
A. FERRARI, Mario V. Rossi e il C.T.G.
G. MARTINI, Intervento conclusivo
Reportage fotografico, Bibliografia minima, Indice dei nomi, Indice generale

Quale era la concezione della Gioventù Italiana dell’Azione Cattolica per Mario? Egli voleva che la GIAC rappresentasse un laicato alla ricerca di una fede non ripetitiva, nella quale la tradizione fosse un cammino non da ricalcare passivamente ma da affrontare con creatività… insomma un laicato adulto, partecipante, ascoltato, non solo destinatario di prescrizioni e divieti, il quale si interroga nella propria coscienza, con senso di responsabilità, certo, ma anche con la consapevolezza della libertà che appartiene, secondo S. Paolo, ai figli di Dio. Membro quindi fedele di una Chiesa ma membro di pieno diritto, pur nella distinzione dei ruoli, dei carismi, dei ministeri…

Credo che si volesse, allora come oggi, valutare criticamente un tipo di Chiesa che talvolta sembra privilegiare il suo essere “istituzione” più che popolo di Dio. Popolo di Dio in cammino. Una Chiesa delle sicurezze, mentre la fede è essenzialmente rischio. Tutto questo ha una attualità sorprendente…

Gianfranco Martini

Designed by erreland