TOP

GANZÈGA

18 

a cura di Chiara Crepaldi
con la collaborazione di Paolo Rigoni
presentazione di Sabino Samele Acquaviva

Collana: Etnografica
Anno: 2006
Pagine: pp. 364, ill.
ISBN:
Categoria: Tag:

Descrizione

Il pasto rituale dei morti, la polenta infasolà.
Le ricette
La questua di San Martino.
Le ricette
La vigilia e la festa, bìgoli in salsa e cappone.
Le ricette
Un dolce rituale, la bissòla della Befana.
Le ricette
Bruciare sotterrare annegare, la Vecchia e il Carnevale.
Le ricette
La questua del Bombasìn, una maschera animale.
Le ricette
Il rumore rituale, batter marzo e tampelà.
Le ricette
Riti primaverili, bagnarsi gli occhi e cuocere la frittata sugli argini.
Le ricette
Il maggio, cuccagne e ganzèghe, Brindisi alla ganzèga dei mietitori.
Le ricette
Bibliografia
Indice delle fonti e località

Questo libro ha due pregi: anzitutto ci offre un’analisi tecnica e scientifica di una parte della società veneta; poi, con una specie di operazione chirurgica, coglie alcune delle ragioni dell’attuale declino della società europea che ha perduto molte delle sue radici antropologiche più profonde: è come descrivere la crisi di una società studiandone le radici più nascoste. In fondo nelle radici antropologiche di questa civiltà, che questo libro fissa per sempre, vi è la sua forma simbolica e quindi anche la causa del suo declino. Ma come viene descritto e spiegato il declino? Questi racconti, immobili nel tempo, preservano il passato dalla tragedia del nulla.
Di fronte a queste pagine e a questi documenti possiamo chiederci che cosa mai salverà simbolicamente un’Europa che sta morendo. Quali suoi simboli sopravviveranno alla sua fine? La decadenza dell’Europa non è soltanto nella sua crisi demografica e nell’affanno economico: è nella perdita del significato simbolico, quasi religioso, della sua civiltà che traspare da queste pagine… Il nichilsmo, la filosofia del nulla, diventa simbolo dominante della cultura europea.

Sabino Samele Acquaviva

Designed by erreland