TOP

P. MAZZUCCHI
CRONACA DI CASTELGUGLIELMO (1866-1932)

23 

di Pio Mazzucchi

Trascrizione, introduzione e commento a cura di Adriano Mazzetti in collaborazione con Anna De Pascalis e Carlo Bianchini

Collana: Cronache e cronisti polesani
Anno: 1995
Pagine: 852, n. 21 ill.
ISBN:

Descrizione

Nota introduttiva di Adriano Mazzetti
Cronaca di Castelguglielmo
Vol. I (1866-1900)
Vol. II (1901-1920)
Vol. III (1921-1932)
Indice dei nomi e dei luoghi

La cronaca presenta figure e vicende di Castelguglielmo e dell’Alto Polesine con ricchezza d’informazioni e testimonia il grande sviluppo dell’area nel corso della seconda metà dell’Ottocento e dei primi decenni del Novecento.

Le lotte contadine, l’organizzazione agraria, la crescita economica e civile sono seguite con documentata partecipazione dal Mazzucchi, attivamente impegnato nella conduzione agraria della sua azienda e nella vita culturale locale. Pagine di singolare affetto riguardano la partenza degli emigranti per l’America Latina, la dura vita delle donne di campagna, il ritorno dei giovani dalle vicende belliche in Italia o nelle colonie; la corale partecipazione alle sventure e alle vittorie militari nel corso della prima guerra mondiale; il duro confronto politico nei difficili Anni Venti e l’avvento del fascismo.

Mazzucchi si rivela una fonte straordinaria di informazioni anche per la storia di tutta la provincia. Nelle pagine del diario emergono l’angolazione economica e la sensibilità tipica della classe sociale degli agrari. Del resto Mazzucchi era uno di loro. Ma oltre alla terra egli aveva anche un’altra passione, quella letteraria.

L’attività di ricerca sulle tradizioni, la lingua e le doti di scrittore richiameranno su di lui l’attenzione dell’ambiente culturale polesano e nazionale. Nelle cronache l’autore annota tutto, ma proprio tutto, dai continui rincari di pane e carne bovina ai temporali, alle scosse di terremoto, alle cannonate dal Fronte…

Designed by erreland